Stampa Pagina

Sezione 1. Uso di OLOPOIEMA. Introduzione alla Fisica Unigravitazionale.

Sezione 1.

ISTRUZIONI PER L’USO DEL PROGRAMMA “OLOPOIEMA”. 

OLOPOIEMA è il fondamentale strumento di calcolo basato sull’ “EQUAZIONE COSMOLOGICA ” che permette la realizzazione grafica e dinamica di tutte le forme dell’Universo. L’autore ne raccomanda l’uso per poter visualizzare le figure nel loro sviluppo continuo, e non solo nella fissità del testo, e per allargare di propria autonoma iniziativa l’indagine ad altri aspetti dell’Universo. OLOPOIEMA si può scaricare dalla pagina principale del presente sito. Aprendo il programma compare la finestra sottostante; cliccare su “Fotone” (Applicazione 276 KB).

 Dopodichè nel menu FINESTRE troviamo i seguenti comandi:

 Assi Cartesiani: Per implementare, ove occorra, gli Assi Cartesiani che indicano sullo schermo il baricentro della propagazione che si vuole disegnare;

Muove assi: Per spostare gli Assi Cartesiani, fa apparire una finestra con le quattro direzioni. La misura di ogni spostamento cambia secondo il numero che si fa variare nello sportellino inferiore;

Inserimento Valori: Per impostare i dati costruttivi delle figure;

Comandi: Per visualizzare i comandi : PlLAY, STOP, AVANTI, INDIETRO;

Visualizza Valori: Fornisce momento per momento i dati matematici del procedimento geometrico in corso;

 

Nel menu GRAFICI troviamo i seguenti sottoprogrammi:

Tetraspirale : con riferimento ai campi magneto-gravitazionali fatti a bracci di spirale logaritmica (il numero quattro è puramente esemplificativo);

B/Symm : abbreviazione di “bilateral symmetry”, per le strutture a simmetria bilaterale;

Strutture Raggiate : forme di tipo “floreale”;

Propagazione (in sei copie, diverse solo per il colore) : è il fondamento di tutte le altre parti del programma, disegnando la geometria funzionale della propagazione gravitazionale ondulatoria;

Composizione : le leggi della composizione ondulatoria, da cui hanno origine la vita e i suoi organismi;

Fotone : la genesi cinematica dell’ondulazione gravitazionale nel cuore della particella elementare.

 

OPERAZIONI ESECUTIVE :

   Dal menu “GRAFICI” scegliere il Sottoprogramma voluto, apparirà la relativa tabella di “INSERIMENTO VALORI”, comprendente anche la finestrella “TEMPO DI ATTESA” dove si potrà variare i tempi di esecuzione, ed i comandi per implementare il senso ORARIO o ANTIORARIO. Compilarla opportunamente e avviarne l’esecuzione tramite la finestra “COMANDI”.

   Dopo aver disegnato una figura, per ottenerne una successiva basterà cliccare “STOP” e disimplementare nel menu GRAFICI il Sottoprogramma usato precedentemente. Quindi ripetere le operazioni esecutive. La finestra dei COMANDI si sposta autonomamente da quella superiore, agganciandola col mouse.

     Le figure del sito sono accompagnate dalla tabella “INSERIMENTO VALORI” con i dati costruttivi preimpostati per poterne seguire l’avvincente sviluppo dinamico. Ma le potenzialità del programma sono enormi ed ognuno potrà di propria autonoma iniziativa allargare l’indagine ad altri aspetti dell’Universo.

Avvertenza per “Olopoiema”

Possiamo far variare a’/a da un valore prossimo a zero (0.00000000001) a un valore prossimo a 1 (0.999), perché 0 e 1, valori esatti per la propagazione primigenia e per la concentrica, darebbero errore nei calcoli del computer.

 

Permalink link a questo articolo: http://renatopalmieri.com/?page_id=445

Cap.1.1-1.3 Perché la fisica odierna non ci convince…

Sezione 1. Introduzione alla Fisica Unigravitazionale. Cap.1.1 Un fantasma che ha quattro secoli. Si potrebbe semplificare dicendo che la fisica odierna non ci convince, solo perché non esiste una “fisica odierna”. C’è bensì una fisica che risale a quattro secoli fa e che è stata mummificata dai suoi eredi e difensori attuali. Questi hanno fatto …

Vedi pagina »

Cap.1.4-1.6 Ci sono troppe coincidenze in Natura…

Capitolo 1.4  L’insetto e la luce. Le strutture spirali. In CRESCITA E FORMA di D’Arcy W. Thompson (Boringhieri 1969) si legge:   “Un singolare esempio di questa spirale (logaritmica) ci è dato dal cammino seguito da certi insetti verso una candela. Data la struttura dei loro occhi composti, questi insetti non vedono in modo direttamente …

Vedi pagina »

Cap.1.7 Ecco la base della Fisica Unigravitazionale…

  Capitolo1.7   a) FOTONE = GRAVITONE: l’UNIVERSO E’ LUCE. Questa fisica dimostra che la sorgente unica di qualsiasi campo gravitazionale è una particella unica e fondamentale, indivisibile costituente di tutta la cosiddetta “materia”: ovvero l’ atomo assoluto (non, quindi, quello che oggi si chiama impropriamente “atomo”). Questa particella è il corpuscolo infinitesimo che produce il …

Vedi pagina »

Cap.1.8-1.9 Ed ecco quindi la REALE spiegazione di tutti i fenomeni…

Capitolo 1.8 I dieci aspetti più misteriosi dell’universo astronomico.  La trattazione sistematica dell’ equazione cosmologica sarà argomento della sezione 3. Abbiamo tuttavia voluto evidenziare in anticipo operativamente con lo strumento del logo, fondato su quella equazione, la validità assoluta della geometria generale del campo per il riconoscimento e la definizione delle strutture naturali di comune …

Vedi pagina »

Cap.1.10 Il nostro logo, detective di problemi insolubili…

Capitolo 1.10  Il nostro logo, detective di problemi insolubili… a) VAN ALLEN E L’ENIGMA DELLA MISSIONE SU GIOVE DEL PIONEER 10.      Riportiamo alcuni passi di un’intervista rilasciata da Van Allen a Duilio Pallottelli e pubblicata su L’EUROPEO n. 51 del dicembre 1973: “La sera di lunedì 3 dicembre il Pioneer 10, la piccola …

Vedi pagina »